La guerra e la Rete

dapdfLOGOsibialiria128Secondo vari studi, le organizzazioni governative USA  (e gli istituti, organizzazioni e fondazioni ad esse aggregate) spenderebbero annualmente una cifra stimata tra i 400 e 800 milioni di dollari per promuovere, tramite la Rete, le guerre dell’Impero. Un lavoro condotto, spesso con maestria, da legioni di giornalisti, pubblicitari, esperti in video… e che gli ignari utenti della Rete (un miliardo di persone solo Facebook) provvedono a diffondere in ogni dove.

Quando agli albori della guerra alla Siria, (in tre: Marinella, Lina e io) ci siamo imbarcati nell’avventura di costruire questo sito sapevamo di doverci confrontare contro questo Moloch e sopratutto con una opinione pubblica che – almeno, dai tempi della guerra alla Siria – vuole vedere nella distruzione di un altro “stato canaglia” la sublimazione di una “Primavera araba”. Non ci siamo persi d’animo e, spesi ben 59 euro per registrare e postare il dominio www.sibialiria.org, invece del parossistico copia-e-incolla che caratterizza la stragrande maggioranza dei siti abbiamo preferito fare pura controinformazione e cioè pubblicare articoli, reportage, analisi (tutti espressamente scritti per il sito da Marinella, Pierangela, Marco, Gianmarco, Enzo e anche da me) nella speranza di rianimare quel movimento contro la guerra che molti danno per morto. I risultati sono certo piccoli rispetto allo scopo che ci eravamo prefissi ma, sicuramente, incoraggianti.

E oggi, con 3000 contatti ogni volta che un nuovo articolo (tra l’altro, immediatamente fatto proprio da molti siti) viene pubblicizzato sui social network ed una presenza media giornaliera di circa 1000 contatti, il sito www.sibialiria.org  rappresenta, davvero, un successo editoriale, soprattutto considerando i suoi circoscritti ambiti (controinformazione su una guerra che pare dimenticata da tutti) e le sue pressoché inesistenti risorse finanziarie (ma su questo ci ritorniamo).

Nel novembre 2013 abbiamo attivato il servizio Scoop: News dalla Siria che raccoglie dalla Rete le notizie più interessanti e che con migliaia di contatti fa ormai concorrenza al nostro nostro "glorioso" Gruppo Facebook Siria: No ad un'altra Libia che ha fatto incontrare i componenti della Redazione si Sibialiria. A Dicembre il nostro impegno si è tradotto in due videoclip "allegri" nonostante il tema trattato, uno in lingua italiana, l'altro in francese A febbraio abbiamo attivato una nuova veste grafica che permette di leggere ottimamente il sito da qualsiasi smartphone o tablet e di poter leggere sulla “prima pagina”, oltre all’ultimo articolo, una rassegna tra gli articoli più letti (e, quindi, più "belli")Altre novità in cantiere riguardano la Newsletter e una serie di e-book che stiamo preparando per i nosytri lettori.

Intanto date una occhiata alla barra “Donateci qualche euro” che vedete nella Home Page  in alto a sinistra e che.utilizzando la vostra carta di credito o carta prepagata vi permette già oggi di inviare in assoluta sicurezza a www.sibialiria.org una donazione (anche pochi euro sono bene accetti). Su come intendiamo utilizzare le donazioni e sulla rendicontazione di queste, leggete il riquadro “Perchè inviarci una donazione”. Intanto, mandate i soldi.

Il webmaster di wwww.sibialiria.org

Francesco S.

grandi!!sono felice perché date la forza a molte persone perché continuino ad informare,nonostante le scarse risorse economiche e la protervia delle majors della disinformazione foraggiata dai Governi canaglia e imperialisti come USA Italia Russia Germania Francia,e aiutati da giornalisti proni e schiavi a libro paga dei più forti!!