Giornata mondiale di azione per la pace in Yemen.

Centinaia di gruppi e associazioni in decine di paesi hanno aderito alla Giornata mondiale di azione per la pace in Yemen.

I bombardamenti iniziati nel marzo 2015 e portati avanti dalle monarchie del Golfo insieme al blocco navale e di terra hanno provocato la catastrofe umanitaria più grave degli ultimi tempi. Decine di migliaia di persone sono morte, sotto i bombardamenti o per effetto dell’assoluta mancanza di beni di prima necessità. Il paese è devastato, metà della popolazione si trova in uno stato di grave insicurezza alimentare.

Le monarchie del Golfo e in particolare l’Arabia saudita si avvalgono della collaborazione diplomatica, economica e spesso militare da parte dei paesi occidentali e non solo.

Il 25 gennaio è un’occasione per dire basta tutti insieme, chiedendo ai vari governi: di mettere fine al sostegno militare ad Arabia saudita ed Emirati arabi uniti; di adoperarsi per la fine del blocco e la riapertura degli accessi terrestri e marittimi; di incrementare l’aiuto umanitario al paese.

A Roma, Rete No War e Wilpf invitano al presidio confermato

davanti a Montecitorio, dalle ore 15 alle 17,30 del 25 gennaio 2021.

Potrebbero interessarti anche...