Il messaggero dell’odio Bernard-Henry Lévy corre ad appoggiare l’opposizione bielorussa. Breve storia delle precedenti imprese di B-52»

Merita indubbiamente un premio internazionale come «miglior messaggero dell’odio» e se invecwe ci fosse un tribunale per chi ha fomentato guerre distruttive, dovrebbe essere fra i primi a esservi sottoposto. Bernard-Henry Lévy, che tutti si ostinano a chiamare «filosofo francese»  (l’aggettivo è in effetti veritiero), ha offerto il proprio appoggio alle cause più nefaste: violenti gruppi islamisti in grado di uccidere interi paesi, guerre di aggressione Nato-petromonarchiche, battaglioni destrorsi, rivoluzioni violentemente «colorate»  .

Un esibizionista guerrafondaio senza esitazioni, vate della morte (altrui). Chiamiamo dunque questo parapolitico, anziché Bhl (l’acronimo con il quale è noto), B-52. E’ al tempo stesso il nome del bombardiere Usa tristemente famoso fin dal Vietnam (e il nostro uomo ama i cacciabombardieri), e di un cocktail (il nostro uomo è molto mondano). «Là dove arriva questo architetto delle ‘rivoluzioni colorate’, il sangue scorrerà» , si legge in questo articolo che denuncia la nuova campagna militare del politico francese: quella in appoggio all’opposizione in Bielorussia, impegnata in un tentativo alla Maidan (Ucraina).

Dimmi chi ti appoggia e ti dirò chi sei. E’ lo stesso B-52 a rivelare con un tweet l’affettuoso incontro, “a Vilnius, con Svetlana Tikhanovskaia, egeria della rivoluzione bielorussa e volto dell’opposizione al tiranno Lukashenko”. Già: la «rivoluzione bielorussa»  I cui intenti sono stati dichiarati da una dei portavoce: «Vogliamo bloccare l’economia bielorussa con gli scioperi. Più la popolazione vede peggiorare il suo livello di vita, più presto potremo prendere il potere» .

Ma vediamo, in ordine cronologico, quali guerre rivoluzionarie sono state appoggiate negli ultimi decenni da B-52 con la sua camicia scollata da stagionato dandy.

Il sostegno di B-52 ai bombardamenti della Nato sulla Serbia nel 1999 gli è valso a distanza di quasi venti anni un piccolo incidente. Nel 2017, B-52 si trova a Belgrado per un festival di documentari. I membri della Lega dei giovani comunisti di Jugoslavia ne approfittano per centrarlo con una piccola torta alla panna e salire sul palco con un eloquente cartello: «Bernard Lévy sostiene gli assassini imperialisti».

(https://it.euronews.com/2017/05/12/il-filosofo-bernard-henri-levy-contestato-in-serbia)

Nel 2003 (guerra di BushBlair all’Iraq), B-52 si barcamena a seconda del pubblico che ha di fronte (come rivelerà il libro Le nouveau B.A.BA du BHL), trovando comunque l’operazione «piuttosto giusta dal punto di vista della morale». Quando parla negli Stati uniti precisa: «Adesso che l’intervento c’è, bisogna finire il lavoro».

L’annientamento della Libia nel 2011 è il successo principale di B-52, con la vittoria della Nato e dei suoi fanti di terra islamisti in Libia. Allo scoppio della  «rivoluzione», corre a incontrare i “ribelli” e al ritorno in patria, grazie alla sua vicinanza con il presidente Nicolas Sarkozy, lo convince a partire con le bombe, nel nome della «responsabilità di proteggere». Gli altri paesi si accodano, la Libia subisce sette mesi di bombe, Gheddafi viene ucciso, terroristi e armi vanno a infettare l’Africa subsahariana, dopo aver provveduto a deportare o uccidere gli abitanti della città libica di Tawergha (di pelle nera, discendenti del commercio degli schiavi). Non pago, nel 2012 B-52 sceneggia e dirige sulla vicenda libica un documentario autocelebrativo, Le serment de Tobruk, dove si mette in scena come personaggio principale e in una specie di monologo racconta il proprio ruolo decisivo nell’avere fatto togliere di mezzo Gheddafi. Naturalmente il mandante B-52 tace di fronte allo sfacelo che quella guerra ha prodotto in Libia e in Africa. Anzi, nel 2017 senza timore di contraddirsi (tanto nessuno glielo fa notare), lo smemorato di Parigi dice: «Sostenere che il terrorismo non ha nulla a che fare con l’islam è lo sbaglio peggiore che possiamo commettere»

. Proprio lui, che con la sua azione ha veri terroristi. Sedicenti islamici. E infatti…

L’impegno di B-52 per un intervento occidentale diretto in Siria è stato indefesso. Nel 2012, finita la missione libica, si dedica all’appoggio ai «ribelli»  – non certo solo siriani. Ancora nel 2018 lamenta il «triste bilancio di un non intervento di sette anni» e cerca non si sa se per protervia o stupidità o entrambe di sostenere che il mancato intervento a fianco dei “ribelli” in Siria ha sortito i mostri, Isis, al Qaeda e tutti gli altri. Qualcuno gli dica che è andata allo stesso modo in Libia, dove Occidente e petromonarchi sono intervenuti eccome.

Nel 2012 aveva molto insistito con il governo Hollande per un intervento diretto, l’invio di armi ai rivoltosi non basta. Qui in italiano tutto il suo piano, ospitato dal Corriere della sera. B-52 va negli Usa, per cercare appoggio, incontra l’altro guerrafondaio amico dei gruppi armati siriani, John McCain. In quest’intervista https://www.leparisien.fr/politique/syrie-bernard-henri-levy-decu-par-francois-hollande-03-08-2012-2112205.php, B-52 spiega con molta chiarezza: «Vorrei che tutta la comunità internazionale si prendesse le proprie responsabilità, come in Libia, la responsabilità di proteggere. Se non lo fa, sì, noi dovremmo dare più armi ai ribelli». In fondo non ci vuole molto, si può agire anche senza il voto del Consiglio di sicurezza, Sarkozy lo aveva detto al tempo della Libia (ma allora l’avallo ci fu per mancanza di veto russo cinese). Insomma B-52 spiega il da farsi: «Forgiare un’alleanza con la Lega araba e i turchi. I piani d’attacco sono pronti. Non ci vuole granché per dare il colpo di grazia al regime di Damasco. Manca solo il pilota nell’aereo. E anche se gli aerei possono essere turchi, il pilota deve essere francese». Non ce la fa. I turchi…Nel luglio 2020 B-52 atterra con jet privato a Misurata (nel 2011 roccaforte dei suoi amici);  ma succede che viene insultato da alcuni sostenitori filoturchi del governo di Tripoli. Insultato non certo per la guerra del 2911 ma perché è ebreo. Che ingiustizia, per uno che ha tanto aiutato gli islamisti.

Nel 2014 B-52 si precipita in Ucraina per appoggiare il colpo di Stato (un misto fra componenti neonaziste e aspirazioni all’ingresso nel presunto bengodi Europa) al quale ha fatto seguito la luttuosa guerra del Donbass, la regione che insieme a Lugansk e alla Crimea non ha più voluto far parte dello Stato ucraino. Negli anni, B-52 si dedica sia a incontri istituzionali sia a spedizioni da embedded, al seguito dell’esercito ucraino… dove senza volerlo confessa uno dei crimini di guerra dei suoi beniamini. Dice infatti di viaggiare con i soldati lunga la linea del fronte (con il Donbass) con una falsa ambulanza spacciata per vera, blindata…Vietatissimo dal diritto internazionale. Come le guerre di aggressione, del resto, che il tribunale di Norimberga definì, invano, «crimine internazionale supremo».

Ma poteva il nostro B-52 ignorare il Venezuela? No. Così, nel 2017 durante le guarimbas, il nostro fomentatore di golpe e finte rivoluzioni urla: non si può stare zitti di fronte a un «lungo golpe»… che sarebbe quello perpetrato dal presidente eletto Maduro. Dunque, il parapolitico francese dice che servono «dure sanzioni economiche e finanziarie contro Caracas e gli oppositori ancora liberi andrebbero accolti a Parigi, Madrid e Washington» ed esige, sempre in nome della responsabilità di proteggere, una condanna ferma da parte del Consiglio di sicurezza Onu.

La Bielorussia in effetti gli mancava.

Potrebbero interessarti anche...