Libia 2011. B. Obama e H. Clinton si rivelano in due video

Sirte: gli aerei da guerra degli Stati uniti tornano per così dire sul cielo del delitto. Sono passati quasi cinque anni da quando i bombardieri Usa/Nato facevano da copertura aerea al feroce assedio guidato dai «ribelli di Misurata» e altre forze islamiste. Il pretesto per la guerra aerea della Nato contro la Jamahiriya, iniziata il 19 marzo 2011, era stato la «protezione dei civili libici». Di fatto, Nato, Usa, Francia, Regno unito e Italia fecero da forza aerea di gruppi criminali e jihadisti, responsabili di crimini contro l’umanità: ad esempio omicidi e deportazioni della popolazione nera della città di Tawergha e di diversi cittadini sub-sahariani. 

Pochi mesi fa, il presidente uscente e pluriNobel per la guerra Barack Obama ha dichiarato in un’intervista a Fox News che il più grande errore della sua carriera alla Casa bianca fu probabilmente «non aver pianificato il day after dell’intervento in Libia».

Nel 2014 Obama aveva ammesso che la missione in Libia «non aveva funzionato» (eufemismo) perché i vincitori non si erano impegnati nella fase successiva «per ricostruire una società che non aveva alcuna tradizione civile».

Astutamente Obama non ha rinnegato la missione in sé ma solo il mancato follow up.

In ogni caso non pagherà per i suoi errori che hanno prodotto crimini e devastazioni

Ma mentre le bombe cadono su Sirte,  forse per aumentare le chance di elezione della Clinton, può essere utile ripercorrere in due brevi video le idiozie e le sguaiatezze del duo, cinque anni fa.

Il 20 ottobre 2011 la segretaria di Stato Usa Hillary Clinton  si trova davanti alle telecamere della Cbs News quando viene a sapere del linciaggio a Muammar Gheddafi. La Iena ridens nonché Bloody Hillary esulta: «We came – We saw – He died, ah ah ah».  

In un altro video, di 12 minuti, il presidente Obama si rivolge a un meeting di alto livello delle Nazioni unite sulla Libia, il 21 settembre 2011. Rivelando un’incapacità criminale di comprendere gli eventi e un entusiasmo cieco da inviato di guerra intortato dalle bande armate. In quel momento è in corso l’assedio a Sirte da parte dell’insieme Nato-Qatar-bande armate locali, dopo sette mesi di bombe, distruzioni, morti, persecuzioni razziste. Ecco la trascrizione di buona parte del video.

Dal minuto 0.05 al minuto 0.12: «(…) ciascuno di noi ha il compito di sostenere il popolo della Libia mentre costruisce un futuro libero, democratico e prospero.»

Dal minuto 0.38 all’1.14: «Oggi il popolo libico sta scrivendo in nuovo capitolo nella vita del suo paese. Dopo quarant’anni di buio, i libici possono camminare per le strade, liberi dal tiranno. Possono far sentire le loro voci, in nuovi giornali, radio, televisioni, nelle piazze e sui blog Lanciano partiti politici e gruppi civili per plasmare il proprio destino e assicurare i diritti universali. E qui all’Onu la bandiera della nuova Libia sventola fra la comunità delle nazioni.»

Dal minuto 1.26 al 2.17: «il merito della liberazione è di uomini e donne libici, e bambini libici scesi nelle strade per protestare pacificamente, sfidando i carri armati e i cecchini. E sono stati i combattenti libici, spesso senza armi e inferiori in numero, a lottare città per città, quartiere per quartiere. E sono stati gli attivisti libici, underground, chattando, e nelle moschee, a tenere viva la rivoluzione  (…). E sono state le donne e le ragazze libiche a reggere le bandiere e a portare di nascosto armi al fronte (…) Sono stati libici da vari paesi del mondo, anche dal mio, ad accorrere là, rischiando brutalità e morte. Sangue libico è stato versato, e uomini e donne hanno dato il proprio sangue.»

Dal minuto 2.32 al 2.59: «La Libia mostra quello che la comunità internazionale può raggiungere se si agisce uniti e insieme. (…) ci sono momenti nei quali il mondo deve e può avere la volontà di evitare l’uccisione di innocenti su una scala tremenda.(…)»  

Dal minuto 3.12 al 4.00: «Stavolta noi, per mezzo delle Nazioni unite, abbiamo trovato il coraggio e la volontà collettivi per agire. Quando il vecchio regime ha lanciato una campagna del terrore (…) abbiamo agito come Nazioni unite e velocemente: ampie sanzioni, embargo sulle armi. Gli Stati uniti hanno guidato gli sforzi per far passare al Consiglio di sicurezza una risoluzione storica che autorizzava tutte le misure necessarie per proteggere il popolo libico. E quando i civili di Bengasi sono stati minacciati di massacro, abbiamo attuato questa autorizzazione. La nostra coalizione internazionale ha bloccato il regime, salvato vite e dato al popolo libico il tempo e lo spazio per vincere (…) sono stati i nostri alleati europei, in particolare Regno unito, Francia, Danimarca, Norvegia, a condurre la maggior parte degli interventi per proteggere i ribelli sul terreno. Paesi arabi hanno fatto parte della coalizione, come partner su un piede di uguaglianza.(…)»

Dal minuto 5.04 al 5.31: «Ecco come dovrebbe agire la comunità internazionale dovrebbe lavorare nel XXI secolo. (…) Ogni nazione qui rappresentata può essere orgogliosa per le vite innocenti che abbiamo salvato e per aver aiutato i libici a riottenere il loro paese»

Dal minuto 5.32 al 5.35: «E’ stata la cosa giusta da fare».

 

Marinella Correggia

 

You may also like...