IL MONDO DOPO LA NATO. CHE PACE!

RACCONTO DI UNA PICCOLA AZIONE DIRETTA NONVIOLENTA (CARTELLO E DISCORSETTO) DAVANTI AL VICESEGRETARIO GENERALE DELLA NATO ALEXANDER VERSHBOW E A MILITARI ASSORTITI , DURANTE LA CONFERENZA STAMPA DI PRESENTAZIONE DELLE MANOVRE TRIDENT JUNCTURE, AEROPORTO MILITARE DI TRAPANI, MATTINA DEL 19 OTTOBRE 2015. SUCCESSIVO RESOCONTO DELLA CERIMONIA E DELLA MOSTRA DI VELOVOLI DA GUERRA E ALTRE BELLEZZE. POESIA FINALE, PER UN MONDO POST-NATO.

Qui il video

 

di Marinella Correggia

 

 

Un modello di riferimento inarrivabile, per un’azione diretta durante una conferenza stampa? Munthazar al Zaidi, il giornalista iracheno che a Baghdad lanciò le sue scarpe a George W. Bush urlando «in nome delle vedove, degli orfani e del milione di uccisi in Iraq». Finì in carcere, e torturato, per quasi un anno: vilipendio di capo di Stato estero. Ma qui, all’aeroporto militare di Trapani, sotto il tendone della conferenza stampa che presenta le esercitazioni Trident Juncture dell’Organizzazione del Trattato del Nord Atlantico detta anche Nato o Alleanza atlantica, quali conseguenze avrebbe avuto il lancio di una scarpa – senza mirare bene, per carità – contro l’ignaro vicesegretario generale della Nato Alexander Vershbow? Chissà.

 

Dire al vicesegretario generale Vershbow che l’organizzazione è criminale e va dissolta

Alzare un cartello contro la Nato criminale, comunque, non comporta conseguenze. Te lo tolgono e basta. Sarebbe stata efficace e forse ugualmente non sanzionata una pioggia di monetine da 5 cent. Ma come sarebbe stato accolto un cartello con la stella a 4 punte (il simbolo dell’Alleanza) trasformata facilmente in svastica? Troppo tardi per pensarci. Non ci sarà un altro accredito stampa, ormai!

 

Andiamo per ordine. Alexander Vershbow ripete quel che ha detto poco prima, alla cerimonia di apertura di Trident Juncture. La solfa è «le esercitazioni della Nato sono vitali per la sicurezza, la democrazia nel mondo, l’autodifesa»; infatti, «ogni giorno ci sono nuove sfide; così dimostriamo che possiamo difendere ogni alleato».  Grandi minacce contro i valorosi paesi membri si addensano infatti cupe e infingarde. Vengono da Est, «la Russia si è annessa la Crimea», da Sud, «la Russia è entrata in guerra in Siria» (non importa che Mosca sia l’unica a combattere con successo contro il califfato e a farlo autorizzata dal governo locale come richiede l’Onu – lo ha detto forse meglio di tutti famiglia cristiana giorni fa). E l’Alleanza è estremamente impegnata contro il terrorismo, visto che «gli Stati falliti come la Libia e la Siria fanno sì che i gruppi estremisti avanzino».

 

Dopo alcune domande falso-provocatorie da parte di testate italiane ed estere («Perché non dite che le manovre Trident sono una risposta alla minaccia da parte della Russia?») e le risposte («ma no non è così»), ha inizio l’azione diretta da parte dell’attivista accreditata come giornalista free-lance alza un cartello, per il vicesegretario lì davanti e per telcamere fotografi   e giornalisti lì dietro. Il microfono ottenuto per fare la domanda diventa occasione per un sermoncino rivolto al vicesegretario, quindi in inglese – inutile parlare ai responsabili italiani.  Ecco più o meno il testo, dagli appunti: «Lei ha detto che la Nato combatte il terrorismo, ha anche nominato la Libia e la Siria come Stati falliti. Ha parlato di autodifesa collettiva dei membri. Ma in realtà fu proprio la guerra della Nato in Libia nel 2011, travalicando il mandato dell’Onu, a trasformar quel paese in Stato fallito, a mettere al potere jihadisti e a contribuire al diffondere di gang terroriste in Medioriente e Africa. E sono i paesi membri della Nato a fare in modo diretto e indiretto guerre che rovinano nazioni e distruggono; altro che autodifesa. Di recente poi, il bombardamento sotto le insegne della Nato, per mezz’ora e più, dell’ospedale a Kunduz in Afghanistan. Allora, nonostante tutto questo tragic record, questa storia tragica, come mai la Nato non viene mai incriminata? Al massimo paga una piccola mancia ai familiari delle vittime… ». Hanno lasciato dire tutto. Devono mostrarsi buoni, non far scoppiare il caso. L’Italia è democratica, la Nato di più.

 

Prima che Vershbow risponda, l’attivista accreditata come free-lance lì davanti e per le telecamere lì dietro. Sulla carta bianca, la scritta nera, con pastelli a cera oleosi (però sbavano; l’acquerello rende meglio). Su un lato, in inglese, la frase «Nato must dissolve»; sull’altro «Nato never pays for crimes». Ovviamente le mani di un soldato di vedetta si allungano subito e strappano via l’inelegante intrusa: cioè la carta. Invece l’attivista sotto mentite spoglie viene lasciata lì seduta, la Nato è democratica e protegge i civili, anche quelli ottusi e ingrati come questa qui.

 

Vershbow risponde compito, come a una vera domanda: «La Nato in Libia ha protetto i civili, abbiamo agito per evitare una strage» (ormai si sa che era tutto falso, ma chi protesta?). Per giustificare il caos successivo, spiega: «Quel che è successo dopo, è frutto forse di giudizi approssimativi….» (mis-judgements). Quanto all’Afghanistan, «ci scusiamo tantissimo per il tragico errore» (quasi un’ora di errori?); naturalmente «è in corso un’approfondita inchiesta, e siamo sicuri che non si ripeterà più».

 

Mentre si avvia all’uscita, l’impassibile vice-segretario generale viene omaggiato, con un altro blitz, della poesia «scritta da un profugo iracheno, la legga» ribattezzata Il mondo dopo la Nato. Invece le copie disponibili per i giornalisti vengono sequestrate.

 

Impatto mediatico? Contenta la televisione russa in lingua inglese Rt. E poi, qualche foto è stata fatta. Alcuni giornalisti locali non hanno visto bene ma vengono a informarsi.  Il reporter di un’agenzia internazionale che in passato ha coperto manifestazioni pacifiste a Roma senza però riuscir poi a farsi trasmettere, osserva: «In altri tempi questo dissenso ti sarebbe costato caro. Adesso, come dicono a Roma, gli rimbalza. Anzi, aiuta a parlare dell’evento Nato!»  Ma se gesti così si ripetessero ogni volta, fastidiosi come zanzare? E se fossero dieci alla volta i cartelli, alzati da mediattivisti? «Ah beh, allora fareste effetto». Del resto, non è nel farsi arrestare il senso di un’azione diretta con la quale si irrompe «a casa del diavolo», proprio sotto il naso dei guerrafondai e della supponente stampa mainstream. Il senso è far vedere che sappiamo. Nel racconto di Andersen Gli abiti nuovi dell’imperatore, il bambino dice all’imperatore che è nudo, glielo dice in faccia e tutti i presenti sono obbligati ad ascoltare.

 

Fine della storia della piccola azione diretta nonviolenta.

 

Ma forse a qualcuno interessa anche uno sguardo dal di dentro, sulla mattinata all’aeroporto militare di Trapani  fra cerimonie ed esibizioni statiche e in volo. Uno sguardo insolito, visto che non erano presenti giornalisti anti-Nato. O almeno non si sono espressi.

 

Ecco qua, per la serie «ho visto cose…». Al fondo, la poesia.

 

Antefatto. Tutti hanno sempre detto che un ente dannoso va sciolto

 

«Nato, rest in peace». «Nato, riposa in pace». L’augurio più geniale rispetto al destino della macchina da guerra atlantica risale al 1967: un libro di Paul Martin per la «Campagna dei giovani per il disarmo nucleare». E se in Italia tutto sommato possiamo puntare a un «Visto che è Nato, morirà», non era male neanche «The Coming Dissolution of Nato» («Il prossimo scioglimento della Nato»), titolo di uno scritto dell’attivista statunitense Albert Weisbord pubblicato da La parola del popolo nel 1977.  Weissbord sbagliò in pieno. Negli anni 1950 era stato invece preveggente l’economista gandhiano J.C.  Kumarappa. Pochi anni dopo la nascita della Nato nel 1949 – dunque precedente il Patto di Varsavia – egli scrisse: «Con il pretesto dell’autodifesa, viene istituita la Nato: per dividere il mondo in due blocchi. Grazie alla Nato, uno Stato aggressore riesce a far dichiarare ‘aggressore’ la vittima e a usare contro questa le armi unificate del grosso energumeno e dei suoi alleati» (pubblicato in Economia della condivisione, Centro Gandhi).  

 

In effetti l’Alleanza atlantica si proclama organizzazione per l’autodifesa collettiva ma fa tutt’altro: negli ultimi anni ha disfatto la Libia, distrutto la Jugoslavia, continua a far stragi in Afghanistan. Divora risorse e distrugge. Non è semplicemente un ente inutile. E’ un ente disutile. E gli enti disutili vanno cancellati.

 

La Nato festeggia in questi giorni i quattro anni dall’uccisione del leader libico Gheddafi, coronamento di sette mesi di bombardamenti in appoggio ai «partigiani rivoluzionari». La Libia ridotta a failed state esporta terrorismo. Ma la Nato non paga mai per i danni. Nessuno va in prigione se per conto della stella (uncinata) a 4 punte uccide e rade al suolo. E al massimo le vittime ottengono qualche migliaio di dollari di mancia.

 

Immunità, impunità.

 

Ecco perché il cartello preparato per l’azione diretta non violenta davanti alle facce dei kapò della Nato e dei remissivissimi media aveva due messaggi che tradotto in italiano recitano: «La Nato va sciolta»(ma è più efficace: dissolta), e «La Nato non paga mai per i crimini».

 

19 ottobre, accredito alla mega-celebrazione di Trident Juncture. Giornalismo di pace

 

E’ arrivata via email dall’Allied Joint Force Command con base a Brunssum (Paesi bassi), la risposta positiva alla domanda di accredito per la «giornalista indipendente». L’evento è il 19 ottobre 2015, aeroporto militare di Trapani, cerimonia di apertura delle manovre congiunte che uno dei militari quel giorno definirà «tremendous display di forze».

 

Purché si collabori con qualche testata (anche nient’affatto mainstream), ci si può far accreditare come free-lance alle conferenze stampa della Nato. Durante la guerra contro la Libia nel 2011 gli incontri mediatici si tenevano a Napoli e a Bruxelles. Un’occasione per porre domande scomode, ottenendo risposte che erano praticamente autodenunce. Occasione sprecata: i mediattivisti non pensano o non sanno di questa possibilità. E non vanno nella tana del lupo anzi della tigre. Una sola domanda cattiva non basta. Ce ne vorrebbe una sfilza.

 

Ovviamente se oltre alle domande scomode si alzano anche cartelli di protesta e si distribuiscono poesie post-Nato, non si otterranno ulteriori accrediti dallo stesso ente. Dunque, occorrerebbe essere, a turno, in molti. Un esercito di pace disposto a sacrificare non la vita ma l’accredito.

 

Pr andare a Trapani da Roma, pare, la Nato ha messo a disposizione un aereo per i giornalisti. In tanti devono averne approfittato, atterrando direttamente vicino al tendone della cerimonia. Infatti la mattina del 19 (tutto sommato il viaggio in corriera Roma-Marsala non è stato male!), ad aspettare fuori dai cancelli dell’aeroporto ci sono solo giornalisti locali, due documentaristi russi e un cane di strada che dev’essere fresco di abbandono, ancora bello e bianco, bisognoso di carezze; volentieri accetta le mandorle. Il soldato di piantone non risponde alla domanda:  «Ve ne prendete cura voi, spero?».

 

Il cartello per la protesta è in borsa, piegato, dissimulato in un ingenuo faldone di materiali su sicurezza alimentare e caos climatico (del resto, con la guerra tutto c’entra). «Lasciate le borse aperte lì in quella tenda», è l’istruzione ai giornalisti. Ahi! Basterebbe uno sguardo veloce lì dentro e l’azione diretta andrebbe a monte. Invece no. La Nato – anzi meglio l’esercito italiano – o non si aspetta il dissenso o non lo teme. Si cautela invece contro gli attentati: metal detector e cani anti-esplosivo. Ma loro non sono fatti per evitare le proteste verbali e scritte.

 

La cerimonia, la mostra statica e il volo dei bombardieri

 

La cerimonia di inaugurazione precede la conferenza stampa. Enorme tendone attrezzato, tappeto color bluNato. Presenti, militari assortiti di ogni ordine e grado, politici, uffici stampa; e la stampa. Entrano le bandiere dei trenta paesi che si eserciteranno. Purtroppo anche i partner, non membri, quelli che non partecipano alle guerre della Nato: Svezia, Austria, Finlandia…

 

Sugli spalti dei media, un cronista di Radio Cuore in brodo di giuggiole; è nel suo elemento: accompagna passo passo le fasi, con voce baritonale e intenta. Una signora tacco 16 si fa un autoscatto. Scattano tutti in piedi, i media, alle prime note del bellicoso inno di Mameli. Scrutandoli dal basso, dal sedile, paiono soldatini. La tentazione di estrarre adesso il cartello è forte, ma sarebbe impossibile fare il discorsetto di spiegazione. E il placcaggio da parte di qualche addetto stellettato sarebbe così rapido da non far percepire niente, se non che «una pazza si è lanciata contro le bandiere». In questi contesti la conferenza stampa è l’unica a offrire un po’ di tempo. Accadde anche a Roma nel 2013 per l’azione contro Kerry & Terzi & gli altri sostenitori di gruppi jihadisti.

 

I discorsi raccontano che «La Nato lavora per la soluzione pacifica dei conflitti, ma certo quando questa non funziona, abbiamo la capacità di intervenire militarmente, nel quadro dell’Onu»; «le più importanti esercitazioni degli ultimi anni sono un segnale importante che i paesi membri danno». Vershbow dice quel che ripeterà poi ai media. Un comandante spiega che appunto si tratta di «combattere terrorismo e sovversione» e le «sfide di regimi autocratici». Insomma «la Nato si adatta alle nuove minacce». E’, Trident, un «tremendous spiegamento di forze per rispondere a minacce da Nord, Est e Sud».

 

Poco dopo, la conferenza stampa; e in seguito, tutti nuovamente sui 4 pullman dei media, per un’altra tappa. Sulla pista aerea di cemento adiacente al prato stanno allineati e disciplinati diversi aerei ed elicotteri da guerra. Neri, grigi, marroncini, chiazzati. Le telecamere si mescolano ai soldati, grande curiosità, le ferraglie quasi si possono toccare!

 

Poi ecco la sfilata aerea. Sfrecciano rumorosi, arrivano di colpo, in rapida successione, come i fuochi artificiali sulle colline nelle feste di paese. Gli elicotteri si posano un po’ più in là, sul prato. Sarebbe di impatto mettersi a correre sotto e contro quei rumori con uno striscione arcobaleno; o almeno agitare un cartello, per qualche fotografo attento. Ma manca la materia prima. La locandina sostitutiva «Nato = Killing machine», scarabocchiata in fretta, fa appena in tempo a comparire che subito un giovane soldato la strappa via. Inutile provare a scriverne un’altra sul prato. «E’ entrata come giornalista, faccia la giornalista!»

 

L’ultima occasione di protesta sarebbe il buffet, sotto un’altra tenda. Esporre un cartellino tipo: «La Nato mangia tanto e la manteniamo noi»? Inutile: taccuini e telecamere sono a riposo, lavorano le mascelle. Intanto un reporter della zona dice che dopo la guerra in Libia l’astuta compagnia Ryan Air fu risarcita con 3 milioni di euro (il Comune molto meno) per aver subito una riduzione dei voli da e verso Trapani, a causa dei continui voli militari verso Tripoli. Partivano a due tiri di schioppo dalle piste civili.

 

Comunque nel ripartire in pullman di linea – finalmente senza militari e senza media – verso Palermo in un pomeriggio di fresco sole, e poi in nave verso il continente, viene in mente la frase conclusiva «hanno fatto la manifestazione» dell’epica canzone I treni per Reggio Calabria – si raccomanda la versione cantata da Giovanna Marini. Ma quella parla di tempi: il 22 ottobre1972. Allora si rischiava molto anche a manifestare pacificamente. Nell’Italia del 2015, invece, andare alla marcia No – Trident Juncture per le vie di Napoli, il 24 ottobre, è un obbligo senza spine.

 

Ecco infine la poesia di Elias, sfollato iracheno

 

IL MONDO DOPO LA DISSOLUZIONE DELLA NATO

(ma in realtà si chiama “Il sogno di un uomo”)

 

La guerra finirà

pianteremo alberi

perché rimangano

non perché siano legna da ardere

con i nostri bambini e giovani e

anziani pianteremo fiori

alle frontiere

e grano nei campi dei soldati

trasformeremo le prigioni in musei.

 

La guerra finirà

faremo pace fra di noi

insieme sradicheremo le mine

come i contadini sradicano le infestanti

al ritmo dei suoni del raccolto

chiuderemo le fabbriche di armi

diventeranno ospedali e scuole materne

e i veicoli militari

diventeranno bus scolastici

una volta ridipinti con arcobaleni a onde.

 

La guerra finirà

alzeremo la bandiera dell’amore e della tolleranza

cantando per gli umani e la natura

applaudendo insieme

con risate e sorrisi puri

metteremo vasi di fiori alle nostre porte

ogni fiore da una parte diversa del mondo

ordiremo un arazzo colorato

ogni filo da una nazione.

 

La guerra finirà

ciascuno benderà le altrui ferite

pianteremo gelsomini

sulle tombe delle nostre vittime.

 

 

You may also like...